Ora Antonio Conte è davvero a un bivio. Il ct della Nazionale di calcio non ha ancora deciso la squadra da schierare ai prossimi Europei di calcio 2016, o meglio, secondo gli osservatori starebbe valutando se sia meglio portare con sé le giovani leve o se invece sia il caso di prediligere “l’usato sicuro” rappresentato dai veterani del calcio.

Nazionale di calcio: i problemi in difesa

C’è perplessità, ad esempio, sullo schieramento di difesa: si pensa che Conte possa optare per il bianconero Rugani (classe ’94) e il rossonero Romagnoli (’95) per sostituire qualche veterano dato un po’ in calo in questi ultimi tempi, come ad esempio Andrea Ranocchia.

Nazionale di calcio: i problemi a centrocampo e in attacco

In mezzo al campo invece, dopo l’infortunio di Marchisio che costringe a tenere libero un posto, potrebbero finirci nomi più storici come Pirlo e Thiago Motta. Mentre l’attacco potrebbe vedere il ritorno alla “carne fresca” con Bernardeschi (’94) e Insigne (’91), ritenuti ben più papabili rispetto a nomi del calibro di Giovinco e Vazquez.

La Nazionale che quest’estate affronterà gli Europei di calcio 2016, insomma, potrebbe proporre al suo interno un mix potenzialmente vincente: quello che potrebbe vedere la compartecipazione tanto di nuove leve quanto di veterani del calcio.

Andrea Sangó