Il Bayern Monaco è diventato campione d’Europa vincendo la Champions League e battendo alla finale il PSG per 1 a 0. La partita è stata condotta nel segno dell’equilibrio, fino a quando un goal di Coman ha permesso la ripresa.

Come si è svolta la partita

Il primo tempo è stato piuttosto divertente, tuttavia è stato caratterizzato dall’assenza di goal. Il Bayern Monaco ha mostrato la sua intensità, anche se il PSG non è stato da poco, perché si è rivelato in realtà un vero e proprio pericolo.

Al 17esimo minuto Neymar ha l’occasione di passare in vantaggio, ma la possibilità sfuma. Intorno al 26esimo minuto i tedeschi devono rinunciare a Boateng, che ha riportato un problema muscolare. In campo viene mandato al suo posto Sule.

Il momento della ripresa

L’1 a 0 è stato segnato da Mbappé. Il Bayern Monaco continua ad accentuare la sua pressione e nel frattempo aumenta il nervosismo da parte dei giocatori.

A rompere l’equilibrio è la squadra tedesca al 59esimo minuto. Prima Muller e poi Coman sfiorano il raddoppio. È un’azione decisiva da parte dei campioni di Germania, perché il PSG non può fare a meno di sentire il colpo.

È stata comunque una finale ricca di emozioni, di colpi di scena. Il PSG cerca di recupera in tutto e per tutto, ma dopo gli attacchi che i giocatori francesi hanno subito da Neymar e Mbappé perdono la loro lucidità.