Il trasferimento di Luca Pellegrini alla Juventus, avvenuto in una trattativa lampo che ha portato Spinazzola alla Roma e il giovane terzino sinistro italiano, più un conguaglio economico, alla Juventus, ha acceso particolarmente i riflettori sul giovane difensore under 20, che ha giocato al Cagliari durante l’ultima stagione, facendosi notare per le sue ottime caratteristiche.

La carriera di Luca Pellegrini e il trasferimento alla Juventus

Breve ma intensa; questa semplice, ma significativa, espressione può definire al 100% la carriera di Luca Pellegrini, nato e cresciuto calcisticamente all’interno dell’ambiente romano. Cresciuto nel Cinecittà Bettini, ben presto Luca Pellegrini si è trasferito alla Roma, là dove – a partire dalla stagione 2011-12 – ha intrapreso un percorso che l’ha portato a scalare tutti i livelli delle giovanili, fino ai trofei ottenuti con la formazione Primavera: scudetto, Supercoppa e Coppa Italia primavera. 

La sua carriera è stata presto interrotta da un infortunio al legamento crociato, che si è spezzato nell’ambito di un’amichevole con la prima squadra; nonostante questo stop che avrebbe potuto compromettere la sua carriera, Luca Pellegrini si è ripreso alla grande e – nonostante un nuovo infortunio alla rotula rimediato contro il Milan – ha ricevuto la fiducia del club, che l’ha fatto esordire in prima squadra il 26 settembre 2018, quando Di Francesco l’ha fatto subentrare a De Rossi nella sfida contro il Frosinone.

L’esordio in Champions League, quando entra contro il Viktoria Plzen (battuto con un 5-0 finale), mentre la sua esperienza in campo europeo verrà poi macchiata dall’espulsione rimediata contro il CSKA Mosca. A seguito di queste esperienze, la Roma l’ha ceduto in prestito al Cagliari, prima di inserirlo nella trattativa che ha portato Spinazzola nella Capitale.

La vita privata di Luca Pellegrini

Nonostante il passaggio al procuratore Mino Raiola, che ha gestito le sue ultime trattative, il calciatore romano non è stato scoperto da Raiola, ma da Bruno Conti: il classe 1999 romano è stato notato dall’eterno calciatore, tra i più importanti nella storia della Roma, che – dopo aver palleggiato con lui – gli ha detto: “Tu sei bravo”.

In un primo momento Pellegrini ha ricoperto il ruolo di trequartista ed esterno alto, segnando particolarmente, poi è stato adattato a terzino da Roberto Muzzi, che ha intravisto in lui le qualità del perfetto esterno di spinta con qualità difensive. Prima di giungere alla Roma Luca Pellegrini è stato tentato da Lazio, Fiorentina, Monaco, AZ, Manchester City, PSV e Liverpool, ma non ha rinnegato la sua fede per la lupa.