Nick Kyrgios sta facendo parlare di sé per una reazione che ha avuto nel match contro Karen Khachanov. Il tennista australiano infatti, furioso per aver perso l’incontro, ha spezzato le racchette, ha lanciato bottiglie a terra, dopo aver sputato all’arbitro e averlo riempito di insulti. Una sceneggiata che alla fine gli è costato l’arrivo di una maxi multa a suo carico.

La sanzione al tennista australiano

La sanzione inflitta a Nick Kyrgios è stata molto pesante. La multa è stata di 113.000 dollari, che dovrà pagare per cattivo comportamento. In particolare gli atteggiamenti sanzionati sono relativi agli insulti che ha pronunciato nei confronti del giudice di gara, la sua condotta anti sportiva.

Inoltre il noto tennista è stato sanzionato anche per aver lasciato il campo senza permesso. L’ATP ha aperto un’indagine a suo carico e adesso il giocatore rischia una sospensione, quando sarà stata fatta chiarezza sulla situazione.

Le motivazioni di Nick Kyrgios

Nick Kyrgios dal canto proprio afferma che il giudice di gara Fergus Murphy sarebbe stato colpevole di aver fatto partire troppo presto il cronometro. Infatti gli avrebbe urlato “Trovami un video in cui Nadal gioca così velocemente e chiudo la bocca per sempre”.

Ma non si sarebbe limitato soltanto a questo, come avrebbero rivelato le telecamere che lo hanno seguito, quando si è allontanato dal campo per aver chiesto un break per andare in bagno.

Fuori da occhi indiscreti, il tennista australiano Nick Kyrgios avrebbe rotto due racchette mentre si trovava nello spogliatoio. Infine, dopo essere ritornato in campo e dopo essersi preso un’ammonizione, ha urlato al giudice che secondo lui si sarebbe trattato di una barzelletta e avrebbe gettato una bottiglia d’acqua a terra. Dopo aver insultato il giudice, il tennista gli avrebbe sputato.